II Meeting Concessionari Partner Italia


22 Giugno 2011

23-24 Febbraio 2011, a Villa Fenaroli Palace Hotel, Brescia

Anche quest’anno si è svolto l’ormai consueto appuntamento con il  Meeting Concessionari Partner Camozzi Italia che come nella scorsa edizione ha riscosso un grande e meritato successo sia per l’organizzazione, l’evento si è svolto nella splendida location del Villa Fenaroli Palace Hotel in provincia di Brescia, sia per i contenuti che, ancora una volta, hanno confermato la volontà di continuare ad investire su Innovazione dei prodotti e dei processi e contemporaneamente di potenziare la rete distributiva per renderla il più possibile competitiva su tutti i fronti.
Gli interventi che si sono susseguiti nel corso di due giornate hanno permesso di offrire una panoramica dei risultati raggiunti nel 2010 e degli obiettivi fissati per il 2011 e per gli anni a seguire.

Nell’intervento per apertura dei lavori, il  direttore generale Marco Camozzi ha confermato la regolare ripresa dei mercati nazionali ed esteri che nel 2010 ha permesso di ritornare sui livelli di fatturato del 2008 ed  ha poi presentato gli investimenti che caratterizzeranno il futuro più prossimo, con una profonda attenzione a nuovi settori come il Life Science e in generale il controllo dei fluidi, con la realizzazione di nuovi prodotti come le isole di valvole della Serie F o le micro valvole della serie K8, per le quali è stata allestita una nuova linea di montaggio dedicata nello stabilimento di Polpenazze e, non ultimo, con l’introduzione di numerose figure tecniche e commerciali che possano supportare il network Camozzi in tutto il mondo.
Successivamente è toccato a Fausto Villa scendere nel dettaglio dei risultati nel mercato Italia, un mercato difficile per la presenza di numerosissimi competitors ma allo stesso tempo ricco di opportunità soprattutto legate all’export e a costruttori internazionali con i quali sfruttare la forte immagine internazionale di Camozzi .
Il meeting è stata anche l’occasione per ufficializzare attraverso una pergamena ed un premio, l’appartenenza al network Camozzi dei concessionari che nel corso dell’anno hanno sottoscritto con Camozzi stessa il contratto presentato nel corso del I° meeting del 2010, un contratto di partnership che mira a rendere sempre più solido e collaborativo il rapporto tra la casa madre e le realtà che operano sul territorio.
Sul palco si sono poi avvicendati i responsabili delle varie funzioni che hanno illustrato il mondo Camozzi e la metamorfosi che in molti casi sta caratterizzando l’azienda, dall’introduzione di strumenti per la gestione strutturata dei dati come il CRM SAP, all’organizzazione delle isole produttive dedicate alla realizzazione dei nuovi prodotti  caratterizzati da controlli qualitativi effettuati sfruttando le tecnologie più avanzate.
Ampio spazio è stato dedicato alla gestione integrata della logistica in ottica di Supply Chain Management (SCM), un progetto in corso in Camozzi che consentirà di ottimizzare scorte e lead times  aumentando costantemente i livelli di servizio offerti alla rete distributiva e conseguentemente ai clienti.

 L’approfondimento sul settore del controllo dei fluidi la condivisione di esperienze e applicazioni realizzate in tutto il mondo dalla rete di filiali e distributori Camozzi hanno inoltre permesso di sfruttare questo meeting  per fornire nuove nozioni a tutti i partecipanti e nuovi stimoli per affrontare la competizione in settori particolarmente complessi  come quello dell’automotive o del medicale.


La scelta della location dell’evento in provincia di Brescia ha consentito di dedicare mezza giornata ad un tour nello stabilimento di Polpenazze, organizzato per consentire ai partecipanti di cogliere tutte quelle sfumature evidenziate nel corso degli interventi ma che viste da vicino risultano certamente più efficaci, dalla gestione automatizzata dei magazzini, ai laboratori per i test sui prodotti che nel 2010 hanno formalizzato 271 prove, alla pianificazione attraverso sistemi di demand planning  e di monitoraggio in real time, fino alle macchine transfer con capacità di oltre 800 pz/h ed alle stazioni dedicate all’assemblaggio ed al collaudo dei componenti.
La chiusura delle giornate è stata dedicata alla presentazione della road map tecnologica e di prodotto, con aggiornamenti sullo stato d’avanzamento dei progetti in corso e di quelli in avviamento e con una prospettiva ben precisa: Camozzi si appresta ad affrontare nuove sfide che, sempre nell’ambito dell’automazione industriale, la porteranno nei prossimi cinque anni a realizzare soluzioni che combinino in pari misura pneumatica, meccatronica ed elettronica sfruttando da un lato l’esperienza consolidata su tecnologie standard, dall’altro l’intraprendenza e la voglia di mettersi in gioco su altri fronti, dalla tecnologia proporzionale, all’attuazione elettrica, sino alla tecnologia delle valvole a membrana di separazione per il controllo dei fluidi.

Ing. Domenico Di Monte
Responsabile Marketing Operativo